People & Trends: Intervista a Fabio Rizzo
Intervista Paolo Galimberti

PEOPLE & TRENDS - 4 DOMANDE AGLI ESPERTI

LA PAROLA AI PROTAGONISTI DELLE AZIENDE ITALIANE: 4 DOMANDE PER CONOSCERE IL LORO PARERE SUL FUTURO DEL SETTORE IN CUI OPERANO. 

Fabio Rizzo, Stahl Italy Srl

Come riparte l’industria chimica nell’era post covid?

Lo chiediamo a Fabio Rizzo, HR Manager Italy della multinazionale Stahl, che ci dà il suo contributo con una visione internazionale.

Fabio Rizzo

Fabio Rizzo

Hr Manager STAHL ITALY SRL
Settore: CHIMICA

Fabio è nato a Messina il 28 Febbraio del 1987. Laureato presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi in Business Administration e specializzato in Management con major in HR. Dopo una prima esperienza professionale nel settore IT, nel 2012 entra a far parte del mondo chimico / elettrochimico, ricoprendo diversi ruoli nazionali ed internazionali ed occupandosi principalmente di HR Management, di Sviluppo Organizzativo, di Change Management ed Innovazione. In Stahl da Ottobre 2020.

1. Qual è la strategia del settore chimico per la ripartenza post pandemia?

Il Covid-19 sta lasciando in tutto il mondo un segno indelebile non solo a livello economico ma anche a livello fisico e mentale. Nonostante tutto, per ragioni diverse, il settore chimico ha sentito solo in parte la “crisi”. Dopo una prima fase di assestamento (il primo “lockdown”) in cui siamo rimasti tutti spiazzati, è stato possibile limitare i danni, anche grazie alla positiva complicità del mercato asiatico (il primo a ripartire) ed al settore dell’Automotive.

Il 2021 è poi ripartito alla grande: probabilmente per le aspettative di una ripresa del mondo della moda in vista del ritorno alla “normalità”. C’è un cauto ottimismo per il futuro ma è necessario monitorare costantemente i mercati di riferimento, rimanere con i piedi per terra, non bloccare gli investimenti lavorando alla sostenibilità ed alla minimizzazione dell’impatto ambientale, ed essere flessibili nella gestione dei picchi di produzione. Alla base di tutto, un forte senso di appartenenza e tanta (ma tanta) resilienza.

Inoltre, oggi più che mai, il cliente (anche quello interno) va posto al centro di tutto e coinvolto nelle scelte strategiche

2. Qual è la strategia di Stahl sia a livello Italia che internazionale?

La strategia a livello globale si declina in obiettivi locali basati sui seguenti quattro pilastri:

  • Digital transformation;
  • Open Innovation;
  • Transizione dal carbone fossile a materiali rinnovabili;
  • Sviluppo Sostenibile.

Abbiamo inoltre costruito una sfidante ESG Roadmap in linea con i Sustainable Development Goals.

"Nell’ultimo anno, tutto il mondo è diventato più “tech & digital” e questo credo sia solo un bene. La digital transformation è stata per tanto tempo una combinazione di parole altamente inflazionata: adesso si fa davvero sul serio. L’open innovation darà un’ulteriore spinta".

Fabio Rizzo - HR Manager Stahl Italy Srl

3. Nell’ambito di questa strategia, che ruolo hanno le nuove tecnologie?

Un ruolo decisamente centrale. Attenzione però: non che prima non lo avessero! Semplicemente il Covid-19 ha agito da booster.

Se nell’era Ante-Pandemia la tecnologia era molto importante (ma a volte messa in secondo piano), adesso anche i più scettici hanno capito quanto sia imprescindibile per il business. Non parlo solo dei nuovi canali di comunicazione, ma di qualsiasi tipo di evoluzione tecnologica che ha e avrà impatto a 360° su tutti i processi, dalla logistica alla finanza.

Nell’ultimo anno, tutto il mondo è diventato più “tech & digital” e questo credo sia solo un bene. La digital transformation è stata per tanto tempo una combinazione di parole altamente inflazionata: adesso si fa davvero sul serio. L’open innovation darà un’ulteriore spinta.

 

4. Quali sono i profili professionali che ritiene centrali per la vostra strategia di sviluppo?

Più che di profili centrali, parlerei piuttosto di un set di attitudini che davvero possano fare la differenza. Stahl sta attraversando un momento storico di ricambio generazionale ed è necessario progettare dei piani di successione molto strutturati.

Con un turnover del personale davvero basso è fondamentale inserire in organico persone allineate con la cultura aziendale, e con i nostri quattro valori: immaginazione, iniziativa, collaborazione e responsabilità. E aggiungo: un pizzico di sana ambizione, (vero) orientamento alla sostenibilità, valorizzazione delle diversità e infine… tanta voglia di divertirsi!

Stahl logo

Fondata nel 1930, Stahl è leader mondiale nella produzione di soluzioni chimiche per il trattamento del cuoio, di rivestimenti ad alte prestazioni e polimeri.

Con Headquarters in Olanda, Stahl è specializzata nella fornitura di prodotti e servizi per l’industria del cuoio, sintetici, tessile ed altro materiale utilizzato nel settore automobilistico, per capi d’abbigliamento, calzature, borse di lusso ed arredamento.

Stahl in breve:

  • 11 siti produttivi;
  • 38 uffici commerciali;
  • 11 Laboratori R&D;
  • 9 Centri di Eccellenza;
  • circa 1800 dipendenti (oltre 60 nazionalità diverse).
BENEDETTO CARAMANNA <br> Managing Director Sales Line

BENEDETTO CARAMANNA
Managing Director Sales Line

Da oltre vent’anni mi occupo di headhunting. Nel 2008 ho fondato la Sales Line sviluppando l'attività di headhunting e recruiting sia per PMI che per multinazionali. Oggi, più che mai, è cruciale conoscere le sfide e le opportunità di ciascun settore produttivo.

Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on facebook

A PROPOSITO DI SALES LINE

Sales Line è una società di headhunting e recruiting, stabilmente posizionata sul mercato italiano ed europeo. Grazie al lavoro svolto con oltre 120 aziende clienti, abbiamo acquisito una vasta esperienza trasversale e un punto di osservazione privilegiato sui principali trend del mercato del lavoro.

Clicca & Leggi il nostro ebook:
Talent Acquisition, 8 consigli dai nostri headhunter
e-book

Leggi anche le altre HR News